Recensione Giampiero Teresi

Recensione Giampiero Teresi

Vuoi aprire Partita IVA? Recensione dei Servizi di Giampiero Teresi

RECENSIONE REGIME-FORFETTARIO.IT DI GIAMPIERO TERESI – APERTURA DELLA PARTITA IVA E GESTIONE DELLA CONTABILITà TOTALMENTE ONLINE.

La prima apertura della Partita IVA è un passo che segna la crescita di ogni professionista o imprenditore, cosi è stato per ADVPRO, che si è affidata ai servizi di Giampiero Teresi, per cui abbiamo deciso di raccontarvi la nostra esperienza, in tutta schiettezza e sincerità, per aiutarvi ad affidarvi ad un professionista competente e disponibile, quale crediamo che sia lo stesso Giampiero Teresi.

Una Panoramica sul Regime Forfettario

Il regime forfettario è un regime fiscale agevolato introdotto nel 2015 che, dal 2016, sostituisce il vecchio regime dei minimi. A partire da quell’anno, dunque, esso è uno dei tre regimi fiscali adottabili in Italia (gli altri due sono il regime ordinario e il regime semplificato).

Per una serie di fattori, il regime forfettario rappresenta la soluzione più conveniente per chi possiede una Partita IVA; una serie di agevolazioni fiscali e semplificazioni contabili, infatti, lo rendono il regime fiscale più vantaggioso d’Italia nonché uno dei più vantaggiosi d’Europa.

Le principali differenze rispetto agli altri regimi fiscali stanno nella tassazione, nella gestione dell’IVA e della ritenuta d’acconto e negli adempimenti burocratici. Questo inquadramento fiscale è rivolto sia a chi desidera mettersi in proprio e aprire Partita IVA sia a chi già ne possiede una e desidera usufruire di vantaggi fiscali e contabili.

Chi può adottare il Regime Forfettario?

Per lavorare in proprio con Partita IVA a regime forfettario è necessario rispettare alcuni requisiti e vincoli; tuttavia, prima di scoprire quali siano, ci tengo a precisare fin da subito che questa opportunità è riservata esclusivamente alle seguenti categorie che operano come soggetti fiscali individuali:

  • freelance;
  • commercianti;
  • artigiani;
  • liberi professionisti.

Come funziona il servizio di Giampiero Teresi?

Uno dei PRO del servizio offerto da Giampiero, è che non dovrai muovervi fisicamente, ma il suo servizio è online al 100%. Dopo un primo contatto, Giampiero ti fornirà una consulenza gratuita per capire le tue esigenze, e ti consiglierà il regime fiscale più adatto a te, chiarendo qualsiasi dubbio. E poi?

Attraverso il suo sito web, potrai scegliere tra diverse formule di attivazione del suo servizio, che variano il base ai mesi che scegli di pagare in anticipo. Tutti i pacchetti comprendono tutto:

 Apertura della tua Partita IVA

 Gestione della tua Contabilità

 Invio della Dichiarazione dei Redditi

 Assistenza 365 giorni l’anno

 

Possiamo davvero fidarci?

La nostra risposta è si. Qualche nota sull’assistenza 365 giorni l’anno, se provate a chiamare di Domenica, come noi abbiamo fatto (era sorto un dubbio, ma potevamo aspettare), possibilmente sarete invitati a richiamare nel primo giorno lavorativo successivo, stessa cosa nei giorni festivi, ma nel complesso la sua assistenza è completa e soddisfacente. L’unica cosa che dovrete fare, una volta ricevuta la vostra dichiarazione, sarà recarvi alle poste per il pagamento degli F24, che vi saranno mandati già precompilati.

 

Come avviene l’apertura della P.IVA?

​Per tutti i Liberi Professionisti e Freelance l’ apertura della Partita IVA è assolutamente GRATUITA ed è inclusa in tutti gli Abbonamenti offerti da Giampiero.
Per tutti i Commercianti e gli Artigiani la pratica di iscrizione al Registro Imprese comprensiva di bolli, diritti ed eventuale SCIA ha il costo di 320 Euro.

La tua Partita IVA, dopo l’invio della documentazione sarà aperta in 24 ore!

Posso richiedere uno sconto?

In quanto partner di Giampiero Teresi, ed ovviamente in accordo con Giampiero, offriamo a tutti i visitatori del nostro Blog un codice affiliato che garantisce uno sconto di 50€ sui suoi servizi, indipendentemente dal pacchetto che si andrà a scegliere (Trimestrale, Semestrale o Annuale).

Il codice è utilizzabile in fase di pagamento e una volta applicato vi garantirà in automatico lo sconto sul prezzo finale. Tutti i prezzi, inoltre, sono già comprensivi di IVA.

Come posso richiedere il codice promozionale?

​Per richiedere il codice promozionare compila il Form qui sotto e saremo lieti di condividere il codice con te senza alcun costo, certi che avrai un’esperienza positiva proprio come la nostra!

Scrivici qui per ricevere il Codice Affiliato

14 + 13 =

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Se il processo ti sembra troppo complesso o semplicemente desideri supporto per la risoluzione delle tue problematiche, contattaci per ricevere una consulenza gratuita a questo link!

 


Ti è piaciuto questo articolo? Se stai per aprire P.IVA, la tua nuova azienda avrà bisogno di un Logo che ti rappresenti! Visita la nostra sezione  Visita la nostra sezione “Creazione Logo” per ricevere il tuo Logo in 48 ore, oppure scrivici per avere un contatto con i nostri Consulenti, che saranno lieti di assisterti. Sarai affiancato da un nostro operatore che ti aiuterà a scegliere la soluzione più adatta alle tue esigenze! Un saluto dal Team di ADVPRO.

Come creare un link con il tuo numero Whatsapp

Come creare un link con il tuo numero Whatsapp

Come creare un link con il tuo numero WhatsApp [Guida 2022]

IN QUESTO ARTICOLO VERRA’ SPIEGATO COME CREARE UN LINK DI WHATSAPP PER PERMETTERE AI TUOI CLIENTI DI CONTATTARTI IN MODO SEMPLICE ED INTUITIVO.

Con l’espansione della famosa app di messaggistica istantanea, nasce l’esigenza di poter comunicare rapidamente con le aziende tramite essa. Molti utenti hanno semplicemente bisogno di informazioni o assistenza sui prodotti o servizi che i brand offrono.

Come generare un link whatsapp

La tua azienda dovrà fare in modo che il tuo pubblico di riferimento possa contattarti senza fatica tramite WhatsApp; per questo sarà necessario creare un link del tuo numero whatsapp che rimanda direttamente alla chat con la tua azienda.

Si tratta di un click-to-chat da inserire nel proprio sito web oppure nei post su Facebook, Instagram o gli altri social che vengono utilizzati dal brand. Così i tuoi potenziali clienti potranno essere reindirizzati nella chat di WhatsApp, ed avviare una conversazione con la tua azienda.

Il link è strutturato così:

 https://wa.me/<number> — dove <number> si riferisce al numero di telefono aziendale completo e nel formato internazionale. Non includere alcuno zero, parentesi o trattino quando aggiungi il numero in formato internazionale.

Esempio: se il tuo numero è +39 12345678 il link WhatsApp sarà https://wa.me/12345678

A questo punto, basterà un click per avviare la conversazione ed iniziare subito a chattare, anche se il numero di telefono non è stato salvato precedentemente in rubrica dal cliente.

Personalizzare un link Whatsapp

creare un link che rimanda alla chat di WhatsApp non è affatto complicato, il problema è che non è facile monitorare esattamente da dove queste conversazioni vengono generate.

Ad esempio, se volessimo sapere da quale pagina prodotto un nostro potenziale cliente ci sta contattando, sarà necessario aggiungere un testo precompilato, in modo da avere in anticipo degli elementi su cui basare la conversazione.

Per fare ciò possiamo seguire due strade:

1) Aggiungere il messaggio precompilato nel link WhatsApp: è un metodo facile e veloce, è sufficiente utilizzare il parametro text all’interno dell’URL di WhatsApp, ed inserire il testo che si vuole far apparire come messaggio precompilato.

Il testo contenuto nell’URL dovrà essere codificato in caratteri ASCII, utilizzando %20 al posto degli spazi. Di seguito un esempio di URL con il messaggio precompilato “Buongiorno, come posso creare un account? Grazie”:

https://wa.me/390000000000?text=Buongiorno,%20come%20posso%20creare%20un%20account?%20Grazie

Cliccando sul link, l’utente potrà iniziare una conversazione con il messaggio precompilato, che darà un importante informazione al team di vendita o assistenza sulle sue intenzioni, e rendere la comunicazione più efficace.

2) Aggiungere il messaggio precompilato con Google Tag Manager: è un metodo che richiede un certo livello di competenza tecnica, ma rende possibile un tracciamento delle conversazioni molto più accurato.

Per questo, stiamo lavorando ad un altro articolo dedicato.

Il tracciamento delle conversazioni di WhatsApp apre la strada ad insights molto interessanti, rendendo possibile illustrare l’interesse degli utenti riguardo un particolare prodotto o servizio offerto.

Generare un link di Whatsapp Online

Per tutti coloro che hanno pochissima dimestichezza con i mezzi informatici, è possibile generare un link per WhatsApp attraverso alcuni siti che offrono la possibilità di farlo online, semplicemente inserendo il numero di telefono.

Un primo sito a cui affidarsi per la generazione di un link per WhatsApp è WA.link, che ti permette di personalizzare comodamente il messaggio precompilato, attraverso un’interfaccia user friendly ed intuitiva. Inoltre, nella sua versione Premium, il sito di WA.link ti permette di monitorare le statistiche di ogni link creato sulla piattaforma.

In alternativa, vi suggeriamo WhatsHash, che propone una soluzione immediata per la generazione del link per WhatsApp, anche qui con la possibilità di impostare il messaggio precompilato.

I siti appena citati ti consentiranno di creare in totale autonomia e molto facilmente link che potrai integrare all’interno del tuo sito web (come vedremo nel prossimo paragrafo), oppure in un post di Facebook, Instagram o gli altri social.

Come integrare Whatsapp su un sito web

Per fare in modo che gli utenti del tuo sito web inizino una conversazione con il tuo team di vendita o supporto al cliente, dovrai fare in modo che il link generato precedentemente sia ben integrato all’interno delle pagine web.

Consiglio: per aumentare drasticamente le probabilità che il traffico generato si converta in conversazioni, dovrai fare in modo che il link per WhatsApp appaia in tutte le pagine del tuo sito web.

Una prima soluzione per integrare il link per WhatsApp sul tuo sito web è quella di copiare semplicemente il link all’interno delle pagine web, e dare la possibilità all’utente di cliccare quando vuole avviare una conversazione.

Questa soluzione, tuttavia, risulta molto grezza e graficamente poco invitante. Per questo una valida alternativa è quella di creare un bottone che contiene il link per aprire la conversazione di WhatsApp. Sarà sufficiente embeddare il link di WhatsApp all’interno di un’immagine, per esempio l’icona di WhatsApp stesso, per invogliare il tuo traffico ad avviare una conversazione con te.

Infine, per una soluzione più professionale consigliamo di installare un widget di chat, che viene caricato in tutte le pagine del sito web, che si presenta come un elemento fisso allo scrolling delle pagine.

 

Integrare Whatsapp attraverso un Plug in: Installare Click to Chat

Il plug in Click to chat va istallato come un normale plug in su WordPress:

Dirigetevi su Plug in della vostra bacheca, poi aggiungi nuovo plug in e digitare sulla barra di ricerca ” Clic to Chat ” ,

Una volta Istallato e attivato, vi basterà inserire il numero di telefono della persona che si “sacrificherà” per i contatti con la clientela ed il gioco è fatto.

 

Cosa ha di diverso rispetto ad altri plug in che svolgono le stesse funzioni?

Stabilità ed aggiornamenti costanti, un team come Holythemes alle spalle che sa quello che fa non ci sembra cosa da poco.

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Se il processo ti sembra troppo complesso o semplicemente desideri supporto per la risoluzione delle tue problematiche, contattaci per ricevere una consulenza gratuita a questo link!

 


Ti è piaciuto questo articolo? Hai bisogno di supporto per la gestione dei tuoi canali social? Visita la nostra sezione “Gestione Social” oppure scrivici per avere un contatto con i nostri Consulenti, che saranno lieti di assisterti. Sarai affiancato da un nostro operatore che ti aiuterà a scegliere la soluzione più adatta alle tue esigenze! Un saluto dal Team di ADVPRO.

Come configurare email Aruba

Come configurare email Aruba

Come configurare le tue email aruba su computer, tablet e telefono

SETTAGGIO E CONFIGURAZIONE DELLE TUE EMAIL NOMEDOMINIO SU TUTTI I TUOI DISPOSITIVI

Hai appena attivato le tue email @nomedominio su aruba e non vedi l’ora di utilizzarle su tutti i tuoi dispositivi. Sei nel posto giusto! Di seguito troverai tutti i parametri per configurare le tue email, inoltre, se avrai bisogno di supporto i nostri tecnici ti assisteranno nel configurare le email sui tuoi dispositivi.

 

Anche se apparentemente può sembrarti un ostacolo insormontabile, imparare come configurare la posta Aruba è in realtà un’operazione che può essere eseguita tranquillamente da chiunque, anche i meno esperti in ambito di informatica. Chiaramente, scegliendo di configurare la posta di Aruba su computer o su smartphone, la procedura da mettere in pratica risulta leggermente differente, ma comunque non devi preoccuparti, di seguito troverai le istruzioni.

Parametri POP3 / IMAP per l’email Aruba

Per poter comprendere come configurare la posta Aruba in un programma o in un’app per la gestione della posta elettronica, ti serve come prima cosa decidere quale protocollo utilizzare per la configurazione, scegliendo tra IMAP e POP3.

Il protocollo IMAP (che è quello che ti consiglio di utilizzare) rappresenta la soluzione più moderna, in quanto consente l’utilizzo dello stesso account su più dispositivi contemporaneamente, mantenendo sincronizzati i messaggi (sia in entrata che in uscita) su tutte le postazioni di lavoro.

Il protocollo POP3, invece, è più datato e prevede l’utilizzo del servizio di posta elettronica su un singolo dispositivo, provvedendo a cancellare i messaggi dai server remoti non appena questi vengono scaricati (salvo l’attivazione di apposite funzioni di backup).

Fatta questa distinzione, ciò che ti serve sapere sono i parametri di configurazione IMAP o POP3: li puoi trovare indicati qui di seguito sia per quanto riguarda le caselle di posta elettronica legate al dominio (del tipo nomecasella@nomedominio.ext) sia per le caselle di posta elettronica del tipo @aruba.it o @technet.it.

IMAP (Posta ordinaria Aruba con SSL)

  • Server posta in arrivo (IMAP)imaps.aruba.it per caselle dominio o imap.aruba.it per caselle @aruba.it o @technet.it;
  • Porta: 993;
  • Richiede SSL: sì;
  • Richiede autenticazione: sì;
  • Server posta in uscita (SMTP)smtps.aruba.it per caselle dominio o smtp.aruba.it per caselle @aruba.it o @technet.it;
  • Porta: 465;
  • Richiede SSL: sì;
  • Richiede autenticazione: sì;
  • Nome completo o nome visualizzato: [Il tuo nome];
  • Nome account o Nome utente: indirizzo di posta elettronica Aruba (es. nome@aruba.it);
  • Indirizzo e-mail: indirizzo di posta elettronica Aruba (es. nome@aruba.it);
  • Password: password scelta in fase di creazione della casella di posta elettronica Aruba.

POP3 (Posta ordinaria Aruba con SSL)

  • Server posta in arrivo (POP3): pop3s.aruba.it per caselle dominio o pop3.aruba.it per caselle @aruba.it o @technet.it;
  • Porta: 995;
  • Richiede SSL: sì;
  • Richiede autenticazione: sì;
  • Server posta in uscita (SMTP): smtps.aruba.it per caselle dominio o smtp.aruba.it per caselle @aruba.it o @technet.it;
  • Porta: 465;
  • Richiede SSL: sì;
  • Richiede autenticazione: sì;
  • Nome completo o nome visualizzato: [Il tuo nome];
  • Nome account o Nome utente: indirizzo di posta elettronica Aruba (es. nome@aruba.it);
  • Indirizzo e-mail: indirizzo di posta elettronica Aruba (es. nome@aruba.it);
  • Password: password scelta in fase di creazione della casella di posta elettronica Aruba.

A questo punto sei a conoscenza dei parametri relativi alla configurazione SSL della posta Aruba. In ogni caso, se riscontri qualche problema con la configurazione oppure hai la necessità di fare tutto senza SSL, non esitare a richiedere una consulenza da parte di un nostro tecnico.

Configurare Email Aruba su Computer

Per configurare la casella di posta elettronica tradizionale o quella PEC (Aruba Mail o Aruba PEC) utilizzando un client per computer Windows o macOS, la prima cosa che devi fare è avviare il programma che hai installato e di cui intendi usufruire, facendo doppio clic sulla sua icona.

Fatto ciò, potrai configurare la posta di Aruba attraverso la procedura guidata per l’aggiunta di un nuovo indirizzo email (che solitamente viene visualizzata al primo avvio), utilizzando chiaramente in questo contesto i parametri IMAP o POP indicati all’inizio dell’articolo.

Per farti un rapido esempio, se ti stai chiedendo come configurare la posta Aruba su Outlook, ti basta semplicemente seguire il percorso File > Impostazioni account > Impostazioni account > Posta elettronica > Nuovo di Microsoft Outlook, inserendo poi il tuo indirizzo di posta elettronica. Dopodiché, ti basta premere prima sull’impostazione Opzioni avanzate, apponendo in seguito il segno di spunta relativo all’opzione Consenti la configurazione manuale dell’account. Per il resto, una volta premuto sul tasto Connetti, potrai procedere all’inserimento dei parametri.

La procedura da seguire è molto simile un po’ per tutti i client. Ti ricordo inoltre che i due sistemi operativi citati, ovvero Windows e macOS, dispongono di un programma preinstallato adibito alla gestione della posta elettronica. Nel primo caso si fa riferimento a Posta, mentre nel secondo ad Apple Mail. In ogni caso, se dovessi riscontrare delle difficoltà, non esitare a contattarci in pochi clic!

Configurare Email Aruba su Telefono e Tablet

Se vuoi controllare la tua posta mediante applicazioni di terze parti su smartphone o tablet, la prima cosa che devi fare è accedere alla schermata Home del tuo dispositivo, cercare l’app di tuo interesse e avviarla, facendo tap sulla sua icona. Successivamente, dovrai settare i parametri IMAP o POP esplicitati nei capitoli precedenti, in modo simile a quanto già espresso per PC. In ogni caso, che tu ti stia chiedendo come configurare la posta Aruba su Android o come configurare la posta Aruba su iPhone, questa è la parte della guida che fa per te.

Ebbene, per configurare l’email Aruba, ad esempio, su Gmail, ti basta semplicemente premere sull’icona del profilo, che si trova in alto a destra, premere sulla voce Aggiungi un altro account, selezionare l’opzione Altro, digitare l’indirizzo di posta elettronica e premere in seguito sulla voce CONFIGURAZIONE MANUALE. Perfetto: ora non ti resta che inserire, a seconda delle tue esigenze, gli appositi parametri POP o IMAP, completando il modulo che compare a schermo. Se hai bisogno di ulteriori indicazioni, puoi dare un’occhiata alle FAQ ufficiali di Aruba.

Come abbiamo visto dell’esempio pratico effettuato relativamente a Gmail, la procedura è molto simile un po’ per tutte le app di terze parti. Per intenderci, su iPhone e iPad c’è preinstallata, al posto di Gmail (che si trova generalmente a disposizione sui dispositivi Android senza nemmeno doverla scaricare manualmente), un’app chiamata Mail. I passaggi da seguire sono molto semplici anche in questo caso: in fase di aggiunta dell’account, basta scegliere l’opzione Altro e digitare poi i parametri POP o IMAP di Aruba, seguendo le indicazioni che compaiono a schermo. Insomma, sono sicuro del fatto che non avrai particolari problemi da questo punto di vista.

Per il resto, arrivato a questo punto dovresti essere finalmente riuscito a configurare la posta Aruba sul tuo computer o smartphone/tablet, attraverso l’utilizzo di un qualsivoglia client o app. Per verificare che tutto sia andato per il verso giusto puoi semplicemente dare un’occhiata alla sezione Posta in arrivo o Inbox, così da accertarti che siano presenti i tuoi messaggi di posta elettronica. In alternativa, puoi provare a inviare una

In ogni caso, se dovessi riscontrare delle difficoltà, non esitare a contattarci in pochi clic!

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Se il processo ti sembra troppo complesso o semplicemente non vuoi supporto per la risoluzione delle tue problematiche, contattaci per ricevere una consulenza gratuita a questo link!

 


Ti è piaciuto questo articolo? Hai bisogno di supporto per la gestione delle tue caselle email o del tuo sito? contattaci per ottenere una consulenza gratuita. Sarai affiancato da un nostro operatore che ti aiuterà a scegliere la soluzione più adatta alle tue esigenze! Un saluto dal Team di ADVPRO.

Scaricare Adobe Photoshop

Scaricare Adobe Photoshop

Come scaricare Adobe Photoshop sul pc

HAI BISOGNO DI INSTALLARE PHOTOSHOP? VORRESTI UTILIZZARE UNA VERSIONE GRATUITA?

SCOPRI COME LEGGENDO QUESTO ARTICOLO!

 

Adobe Photoshop è senza dubbio uno dei software di fotoritocco e post produzione creativa più utilizzati al mondo. Grazie ad esso, è possibile stravolgere un’immagine digitale, trasformarla o usarla come base per creare delle vere e proprie opere d’arte al computer. Nonostante includa un’infinità di funzioni, può essere usato abbastanza facilmente anche da chi non ha molta dimestichezza nel settore dell’ editing fotografico.

Il programma è disponibile per Windows e Mac ed è a pagamento, tuttavia ne è disponibile una versione di prova gratuita che consente di testarne tutte le funzioni per un periodo di 7 giorni.

NOTA BENE: Se la tua versione di prova è scaduta e vuoi sapere come riattivare Photoshop sul tuo pc, scrivici attraverso il pulsante Blu Messenger o via email per avere assistenza dedicata da un nostro tecnico.

Se hai bisogno di rimuovere alcune piccole imperfezioni dalle tue foto, creare dei banner per il tuo sito o vorresti fare pratica e scoprire le sue innumerevoli funzioni, metti alla prova la tua creatività scaricandolo attraverso questo articolo!

Per scaricare Adobe Photoshop sul tuo PC, collegati al sito Internet di Adobe e clicca sul link Prova collocato sotto il nome del programma. Nella pagina che si apre, clicca sul pulsante Scarica la versione di prova e crea un account gratuito per i servizi online di Adobe facendo click su Crea un ID Adobe. Compila dunque il modulo che ti viene proposto (immettendo in esso nome, indirizzo email e password da usare) e clicca su Crea, metti il segno di spunta accanto alla voce Ho letto e accetto le Condizioni d’uso e l’Informativa sulla privacy e fai click su Accetta per completare l’operazione.

Fatto questo, partirà automaticamente il download del pacchetto Adobe Creative Cloud Setup, attraverso il quale scaricare e installare il software Photoshop. Quando il download del programma sarà completato, avvia dunque il file CreativeCloudSet-Up.exe e, nella finestra che si apre, fai click prima su Esegui e successivamente su .

Attendi qualche minuto affinché venga scaricato il Software che gestisce tutte le App Adobe ed esegui l’accesso a quest’ultimo usando i dati dell’account che hai creato in precedenza. Accetta le condizioni di utilizzo del servizio, cliccando sul pulsante Accetta, e partiranno in maniera automatica il download e l’installazione di Photoshop. L’operazione probabilmente durerà a lungo, considerando che il peso del software è di circa 1,5GB anche se dati i continui aggiornamenti potrebbero esserci delle lievi variazioni.

Al primo avvio del programma, ti verrà chiesto di eseguire l’accesso al tuo account Adobe e di attivare la versione di prova di Photoshop, questa operazione è obbligatoria. Per farlo, clicca prima su Accesso e poi su Avvia versione di prova avendo una connessione Internet attiva.

Panoramica funzionalità di Photoshop

Anche se inizialmente potresti sentirti smarrito visualizzando i tanti strumenti nella barra a sinistra, l’interfaccia utente di Adobe Photoshop è estremamente intuitiva. Farai presto a prendere familiarità con la toolbar e tutti gli strumenti principali del programma (come pennelli, gomma da cancellare, strumenti di selezione e la tavolozza dei colori), facendo click destro su di essi puoi trovare altri tool attinenti a quello selezionato (ad es. facendo click destro sullo strumento selezione rettangolare puoi attivare gli strumenti di selezione ellittica e a singola riga o colonna). In alto ci sono i menu per creare o aprire foto e applicare tanti effetti, filtri e modifiche varie, mentre sulla destra ci sono i pannelli per la regolazione veloce delle proprietà dell’immagine e gestire i livelli.

Per creare una nuova immagine in Photoshop, seleziona la voce Nuovo dal menu File e, nella finestra che si apre, indica le dimensioni che deve avere quest’ultima usando i campi larghezza ed altezza. Puoi anche cambiare le unità di misura per la regolazione delle dimensioni, gestire quindi la Risoluzione e l’orientamento dell’immagine (orizzontale/verticale) utilizzando gli appositi menu di selezione, e impostare il colore di sfondo dell’immagine, usando il menu a tendina Contenuto sfondo.

Se vuoi modificare una foto già esistente (ad es. per correggerne i difetti o applicarle degli effetti speciali), seleziona la voce Apri dal menu File e scegli il file su cui agire. Puoi aprire anche più immagini contemporaneamente selezionandole tenendo premuto il tasto Ctrl della tastiera (o cmd, su Mac).

Primi passi con Photoshop

Per correggere le proprietà delle foto digitali con Photoshop, come per esempio la luminosità e l’intensità dei colori, recati nel menu Immagine > Regolazioni e seleziona la voce Luminosità contrasto per regolare manualmente luminosità e contrasto, la voce Tonalità/Saturazione per regolare il livello d’intensità dei colori, e così via. Le possibilità di personalizzazione sono infinite. Se invece vuoi lasciare al software il compito di correggere automaticamente tutti i parametri della foto, ricorri alle opzioni Tono automatico, Contrasto automatico e Colore automatico presenti nel menu Immagine di Photoshop.

Vuoi eliminare brufoli, rughe o altre imperfezioni della pelle da una tua foto? Puoi riuscirci molto facilmente selezionando lo strumento pennello correttivo al volo dalla barra degli strumenti del software e passandolo sulle imperfezioni da coprire. Se vuoi lasciare a noi il compito di rimuovere ogni imperfezione dalle tue foto, non esitare a contattarci in pochi clic!

Fotoritocco facile con Photoshop

Ogni volta che selezioni uno strumento dalla toolbar laterale di Adobe Photoshop, nella parte superiore della finestra compaiono delle barre degli strumenti per regolarne i diversi parametri. Ad esempio, selezionando lo strumento pennello compaiono dei menu per specificare tipologia e grandezza del pennello che stiamo utilizzando, questo è fondamentale per riuscire ad agire con precisione su una determinata area. Attivando uno strumento di selezione compaiono i menu per regolarne stile e grado di sfumatura, selezionando lo strumento testo compare invece un menu per selezione dei font, e così via.

Filtri ed Effetti Photoshop

Vuoi applicare dei bellissimi effetti speciali alle tue foto ma non sei ancora molto pratico di Adobe Photoshop? Nessun problema. Apri l’immagine da modificare, seleziona la voce Galleria filtri dal menu Filtro del programma e seleziona uno dei tanti effetti disponibili nella finestra che si apre: sono suddivisi in varie categorie e, selezionandoli, puoi visualizzare un’anteprima della loro applicazione sulla foto.

Conclusione

Adobe Photoshop è uno dei software più apprezzati ed utilizzati da amatori e professionisti. Le sue potenzialità includono:

  • Editing Foto
  • Post Produzione Scatti Raw
  • Fusione di due o più immagini
  • Retouch
  • Produzione di materiale da integrare su siti web

e molto altro ancora!

 

Il team di ADVPRO è a tua disposizione per assistenza al Download e la configurazione del programma su ogni dispositivo.

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Se il processo ti sembra troppo complesso o semplicemente non vuoi supporto per la risoluzione delle tue problematiche, contattaci per ricevere una consulenza gratuita a questo link!

 


Ti è piaciuto questo articolo? Hai bisogno di supporto per la gestione dei tuoi canali social? Visita la nostra sezione “Gestione Social” oppure scrivici per avere un contatto con i nostri Consulenti, che saranno lieti di assisterti. Sarai affiancato da un nostro operatore che ti aiuterà a scegliere la soluzione più adatta alle tue esigenze! Un saluto dal Team di ADVPRO.

Come contattare la chat di assistenza Facebook

Come contattare la chat di assistenza Facebook

Facebook: come contattare l’assistenza via chat?

Hai problemi su Facebook e vuoi parlare con un operatore? La procedura non è semplice e intuitiva, ma un modo per contattare l’assistenza c’è.

Se vi è mai capitato di dover segnalare qualcosa a Facebook o di aver bisogno di supporto, avete provato quella sgradevole sensazione di abbondono totale e di impotenza davanti ai tastini di segnalazione del rinomato social.

Se questo è vero quando si parla di utenti standard, però, è anche vero che esiste il modo di contattare l’assistenza Facebook nel caso si gestisca una pagina che fa uso di ADS, le sponsorizzazioni.

Gli inserzionisti hanno infatti un centro assistenza dedicato nell’area business della piattaforma. Ecco come procedere per avere assistenza in chat da un operatore.

Facebook: Come richiedere assistenza

Una volta effettuato l’accesso al vostro account su business.facebook.com, in alto a destra troverete la scritta Assistenza.
Cliccandoci si aprirà un menu: bisognerà cliccare su Contattaci, che condurrà su una nuova pagina. Qui saranno disponibili diverse risorse per la risoluzione dei problemi più comuni ma, se nulla fosse d’aiuto, scorrendo troverete Ulteriore assistenza.

Potrete decidere se condividere il vostro problema sul forum o contattando Facebook via mail o via chat.

Come parlare in chat con l’assistenza tecnica Facebook

Quali di questi tre metodi scegliere dipende dalle esigenze individuali.
Il forum è sicuramente il meno diretto dei tre e pertanto sconsigliabile, soprattutto se c’è la necessità di operare tempestivamente.

Nel caso in cui decideste di contattare l’assistenza via mail potrete stare più tranquilli, perché la risposta dovrebbe arrivare entro un giorno lavorativo. Verrete infatti richiamati direttamente da un operatore al numero che inserirete in fase di richiesta che vi aiuterà a risolvere il vostro problema.
Un consiglio è quello di essere chiari nella descrizione del problema, in modo che l’operatore sia in grado di aiutarvi in modo rapido.

La chat, che si trova a questo link dove è richiesto di compilare il form, rimane comunque il metodo più rapido per parlare con un operatore. Come per la mail, inizialmente dovrete fornire una serie di informazioni per isolare la domanda che volete porre e fornire una serie di dati, dopo sarete in grado di chattare direttamente con l’assistenza.

Cosa fare se non si dispone di un account pubblicitario?

Se non si rispettano i requisiti business, il servizio diretto non è purtroppo disponibile.
È evidente che per Facebook sarebbe davvero troppo dispendioso fornire una simile assistenza a tutti i suoi utenti, che ora sono più di 2 miliardi.
Potete comunque cercare tra gli argomenti popolari o, nel caso non trovaste ciò che vi serve, scrivere sul forum dedicato (che, almeno, è più attivo della sua controparte business).

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Se il processo ti sembra troppo complesso o semplicemente desideri supporto per la risoluzione delle tue problematiche, contattaci per ricevere una consulenza gratuita a questo link!

 


Ti è piaciuto questo articolo? Hai bisogno di supporto per la gestione dei tuoi canali social? Visita la nostra sezione “Gestione Social” oppure scrivici per avere un contatto con i nostri Consulenti, che saranno lieti di assisterti. Sarai affiancato da un nostro operatore che ti aiuterà a scegliere la soluzione più adatta alle tue esigenze! Un saluto dal Team di ADVPRO.

Come vendere su Facebook

Come vendere su Facebook

Vuoi vendere anche tu i tuoi prodotti e servizi su Facebook?

Ecco come muovere i primi passi su questo tipo di business in costante crescita!

 

“L’ho comprato su Facebook” è una frase sempre più diffusa, infatti vendere su Facebook i propri prodotti è una grande occasione. Lo è per aziende piccole, medie o grandi, senza distinzioni.

Vendere su Facebook i propri prodotti non è difficile. Anzi, da quando il social più diffuso e potente al mondo si è aperto a questa possibilità, questa occasione di business è diventata particolarmente facile da sfruttare.

Dall’ottobre 2016, infatti, anche in Italia è attivo Marketplace, una nuova opzione presente nella app per smartphone. Come ha spiegato in una nota Mary Ku, capo del Project Management di Facebook, “più di 450 milioni di persone visitano ogni mese i gruppi di compravendita. Ecco perché si è deciso di creare un luogo dove tutti possono facilmente comprare e vendere oggetti con le persone nella vostra comunità”.

Per accedere, dopo aver aggiornato l’app l’icona di questo nuovo servizio apparirà nella barra delle notifiche (in basso nel caso di iOS, in alto per Android). Basta schiacciare per accedervi.

Per trovare qualche prodotto specifico, basta filtrare la propria ricerca in base alla località, alla categoria o al prezzo. È anche possibile sfogliare il catalogo di ciò che è disponibile nelle varie categorie. Quando si trova qualcosa di interessante, basta toccare l’immagine per vedere maggiori dettagli su venditore e prodotto. È inoltre possibile salvare la ricerca, in modo da tornarci in un momento.

 

Rilasciata prima negli Usa, nel Regno Unito, in Australia e in Nuova Zelanda, Marketplace poche settimane più tardi è sbarcata anche in Italia con la sua “Vetrina”.

 

 

Vendere su Facebook con Marketplace “Vetrina”

Creare una vetrina per vendere i propri prodotti sulla pagina Facebook aziendale è semplice. Una volta cliccato sul pulsante Aggiungi una Vetrina, devi compilare il form con tutti i dati sulla tua attività e il tuo negozio su Facebook è attivo. Una volta creata la Vetrina, ovviamente bisogna aggiungere i prodotti che si vuol vendere. Altra operazione davvero facile perché per farlo basta cliccare su Aggiungi Prodotti e compilare un altro form con foto, informazioni e prezzo.

La Vetrina è uno strumento free perché Facebook non trattiene nessuna percentuale sui tuoi ricavi provenienti dalla vetrina.

Ma questo non significa che vendere su Facebook sia del tutto gratuito. Quando configuri la tua vetrina e scegli l’opzione Acquista su Facebook, dovrai creare un account Stripe o un conto PayPal o effettuare l’accesso a un account esistente se ne hai già uno.

Una volta che avrai contrassegnato un ordine come spedito, Paypal o Stripe depositeranno i pagamenti sul conto corrente che hai aggiunto al tuo account. PayPal e Stripe ti addebitano il 2,9% del prezzo d’acquisto + 30 centesimi per ogni addebito effettuato.

Fino ad ora abbiamo visto gli strumenti che rendono possibile la vendita di prodotti sul social network più diffuso al mondo. Ma riuscirci è un’altra cosa…

Come abbiamo visto più volte in altri articoli, Facebook è una piazza potenzialmente straordinaria per promuovere i propri prodotti e servizi. Lo è sia per il numero eccezionale di iscritti, sia per la possibilità di creare lead raggiungendo le persone e le aziende realmente interessate ai nostri prodotti o servizi. Utilizzare al meglio lo strumento Facebook Ads per farlo è fondamentale.

Già, perché per vendere su Facebook sono indispensabili due fattori che vanno ben al di là dei tool che consentono la vendita dal punto di vista tecnico. E sono:

  • L’individuazione del target giusto
  • La creazione di un rapporto di fiducia con questo target

Una volta raggiunti questi obiettivi, proporre e concludere una vendita sarà più semplice e le possibilità di successo saranno enormemente maggiori.

Se vuoi vendere i tuoi prodotti o servizi, Facebook rappresenta uno strumento importante che puoi utilizzare. Ma ricorda che il processo di vendita è cambiato negli ultimi anni (tanto che oggi è più corretto chiamarlo processo di acquisto) e proporre l’acquisto non è che l’ultimo step di un percorso che prevede, in primis, di:

  • Individuare il proprio target
  • Offrirgli contenuti gratuiti di valore
  • Conoscerne le necessità
  • Offrire una soluzione concreta e immediata alle necessità del tuo pubblico

Prima pensa a conquistare il tuo pubblico su Facebook, poi riuscirai a proporgli con successo una vendita.

Hai bisogno di utilizzare I Social per pubblicizzare la tua azienda o la tua attività? Il Team di ADVPRO ti seguirà passo passo nella progettazione della tua campagna.

1 Scegli il canale adatto a te

2 Richiedi una consulenza

3 Inizia subito a sponsorizzare la tua attività

 Un saluto dal Team di ADVPRO.

Richiedi una Consulenza

11 + 15 =

Copia dei contenuti disabilitata